addolcitoriaddolcitori

ADDOLCITORI – CABINATI – BICORPO – automatici composti da bambola in vetroresina, tino salamoia in polietilene con pozzetto sciolinale, resine a scambio ionico idonee per l’uso alimentare valvole per il comando automatico delle fasi di generazione a tempo o rigenerazione volumetrica.

LEGGI/DECRETI INERENTI AL TRATTAMENTO DOMESTICO DI ACQUE POTABILI (estratto)
Fif: decreto n° 443 del 21 dicembre 1990 – spunti

  • Nessun apparecchio può essere propagandato o venduto sotto la voce generica di “depuratore d’acqua” ma solo indicando la precisa funzione svolta (esempio: addolcitore).
  • E’ richiesta la presenza di un contatore a monte dell’apparecchiatura nonché punti di prelievo per analisi prima e dopo la stessa.
  • E’ richiesta la presenza di un by-pass automatico o manuale.
  • E’ richiesta la presenza di una valvola di non ritorno sull’aspirazione.
  • Ogni addolcitore deve essere dotato di un dispositivo che assicuri la rigenerazione automatica max ogni 4 giorni.
  • Ogni addolcitore deve essere dotato di un sistema automatico di disinfezione delle resine che entri in funzione durante la rigenerazione delle stesse, altrimenti bisogna prevedere un sistema di post-disinfestazione con cloro o raggi UV.
  • Ogni addolcitore deve essere dotato di un sistema di miscelazione acqua dura/acqua addolcita al fine di mantenere la durezza ai punti d’uso di 15 gradi francesi ( decreto n° 236/1988 del Presidente della Repubblica).

CALCARE/FERRO: E’ SOLO DISTRUZIONE DI IMPIANTI, ELETTRODOMESTICI, ECC, NON E’ IGIENE NE SALUTE PER LA PERSONA.

PREVIENI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

addolcitori